"Lo facciamo per poter dire: dato che non c'è niente, noi vogliamo rimboccarci le maniche e costruire qualche cosa. E se ognuno fa qualche cosa, allora si può fare molto." Padre Puglisi

Resoconto Consiglio di Amministrazione 9 Ottobre 2018

Del 11 ottobre 2018, ore 4:59 PM - Modifica

amministrazione

In data 9 Ottobre 2018 si è tenuta una seduta del Consiglio di Amministrazione dell’Università degli Studi di Palermo, la stessa ha inizio con la comunicazione del Rettore in cui i componenti vengono informati che, per quanto riguarda gli studenti Erasmus in uscita attualmente, il loro numero equivale a 940, le cui borse di studio risultano essere un equivalente che va dai 250 ai 300 euro mensili, a cui si aggiunge anche una quota integrativa che va fino a 400 euro mensili in base all’ISEE.

In data 8 ottobre 356 di questi studenti avevano ricevuto l’intero contributo, considerando anche che alcuni dei 940 hanno una partenza prevista per il secondo semestre.

 

A seguire viene discusso di quanto accaduto il 7 Ottobre a Giurisprudenza, evento che vede una studentessa colpita da un calcinaccio staccatosi da un cornicione della medesima ex Facoltà, l’occasione vale da spunto di riflessione da parte del Consiglio tutto circa la necessità di uno studio sullo stato degli immobili e, all’occorrenza, prevenire eventi come quello del 7 Ottobre.

Tale discussione vuole essere da appoggio alla richiesta del rappresentante degli Studenti Rosario Signorino Gelo di controllare e valutare la situazione in cui versa l’aula magna del complesso di Via Pascoli, già al centro di diverse segnalazioni da parte degli studenti che ivi frequentano.

 

Vengono poi eseguiti i seguenti interventi da parte della componente studentesca:

 

1)RIMBORSO STUDENTI INSERITI IN FASCIA MASSIMA

“Gli studenti che, alla scadenza dell’immatricolazione, non erano in possesso dell’ISEE, sono stati assegnati all’ultima fascia di contribuzione e, proprio per tale motivo, costretti a versare il contributo massimo previsto dal regolamento tasse 2018/2019.

A differenza degli scorsi anni non è più possibile essere inseriti provvisoriamente in 14esima fascia e avere successivamente 30 giorni di tempo per aggiornare i propri dati ISEE (Per fare ciò ed abbreviare i tempi Unipa potrebbe applicare l’art.10 del regolamento tasse il quale permette all’Università di collaborare con l’ERSU e con l’INPS per ottenere i dati in maniera alternativa il quale recita:

“[…] A tal fine l’Università di Palermo può avvalersi della collaborazione e dello scambio di informazioni con l’ERSU, con gli Uffici dell’Amministrazione Finanziaria, con l’INPS e con ogni altro ente depositario di informazioni rilevanti ai fini dell’attività di controllo. […]”).

Ad aggravare la situazione già precaria, gli studenti interessati hanno nel tempo ricevuto informazioni non aggiornate da parte della segreteria studenti con la conseguente immatricolazione o iscrizione nella speranza di un rimborso che, ad oggi, non esiste.

Viene dunque chiesto di venire incontro a tutti gli studenti che, all’atto dell’immatricolazione, non siano stati provvisti del loro ISEE, proprio come avviene in altre università italiane in cui, tra l’altro, il termine ultimo per l’inserimento di tale informazione è il 30 novembre.”

 

A onor del vero questa interrogazione era già stata posta durante la precedente seduta del consiglio di amministrazione di cui puoi visualizzare il resoconto al seguente link, ma a differenza della volta scorsa la risposta non è stata negativa, il Rettore e il Direttore Generale, infatti, hanno proposto di valutare quanti studenti in più rispetto all’anno scorso si trovino inseriti in ultima fascia, e dopo aver valutato (entro la fine di novembre) la loro differenza numerica del numero, si valuterà se e come provvedere all’eventuale rimborso verso quegli studenti che non hanno presentato l’ISEE in tempo.

 

Fermo restando che la componente studentesca ha già percepito l’entità del danno arrecato agli studenti e continua fermamente a ribadire la necessità del rimborso, il consiglio di amministrazione promuove la proposta del Rettore e del Direttore Generale.

 

2)RIAPERTURA IMMATRICOLAZIONI CORSI AD ACCESSO LIBERO

Questa problematica è stretta conseguenza di quella appena evidenziata, infatti diversi studenti, in mancanza di ISEE, hanno deciso di non immatricolarsi perché oggettivamente non a disposizione delle somme richieste per parare il contributo. Ad ogni modo, a prescindere da questa situazione, ma considerandola una necessità in più, si chiede quindi che vengano riaperte le immatricolazioni per i corsi ad accesso libero nel più breve tempo possibile, e che queste rimangano aperte fino alla data ultima del pagamento delle tasse che risulta essere il 24 dicembre 2018.

 

3)MANIFESTAZIONE DI INTERESSE

Giunto ormai al termine il periodo di immatricolazione per corsi come Ingegneria ed Economia, si chiede che venga emanato il bando per la manifestazione di interesse destinato a tutti gli studenti che ne facciano richiesta nel più breve tempo possibile.

Purtroppo la risposta da parte del Rettore è stata di totale negazione giustificando questa posizione con l’annessione che “non sarebbe corretto verso coloro che il test lo hanno pagato”.

Rimaniamo allibiti da tale presa di posizione anche perché, senza le manifestazioni di interesse, molti corsi non saranno completi al 100% con relativo danno, sia economico che di prestigio, all’Università stessa.

 

Tra i vari punti all’o.d.g.  di rilevante importanza è quello secondo il cui, A seguito dell’incentivo di 1.000.000 di euro pervenutoci dalla Regione Siciliana per il potenziamento dei servizi per il Diritto allo Studio, il Consiglio di Amministrazione ha così distribuito il totale:

 

  • potenziamento di stage e tirocini sia pre-laurea che post-laurea 300.000€;
  • potenziamento dei servizi per i richiedenti asilo 20.000€;
  • potenziamento dei servizi per gli Studenti Erasmus sia in ingresso che in uscita 200.000 (150.000 + 50.000)€;
  • potenziamento dei servizi di comunicazione con particolare interesse all’aggiornamento continuo dell’app “unipa in tasca” 30.000€;
  • per il rifacimento delle aule e dei laboratori 350.000€;
  • per il potenziamento della rete wireless di ateneo 100.000€.

 

Commenta l'articolo: