"Lo facciamo per poter dire: dato che non c'è niente, noi vogliamo rimboccarci le maniche e costruire qualche cosa. E se ognuno fa qualche cosa, allora si può fare molto." Padre Puglisi

Remind Nuovo Regolamento Contribuzione Studentesca 2017/2018

Del 27 Luglio 2017, ore 11:03 AM - Modifica

Con il nuovo anno accademico 2017/2018, tra le varie novità dell’Università di Palermo, entra in vigore il nuovo regolamento in materia di contribuzione studentesca in conformità con la legge 11 Dicembre 2016, n 232, con la quale viene previsto un contributo annuale onnicomprensivo (in cui vengono anche “rateizzati” i pagamenti extra che lo studente dovrebbe affrontare in determinati periodi del proprio percorso accademico, come ad esempio la tassa di laurea).

La legge prevede anche una “no tax area” per coloro che appartengono ad un nucleo familiare con ISEE fino ad un massimo di 13.000,00 Euro, questi studenti, infatti, saranno esonerati dal pagamento del suddetto contributo onnicomprensivo (ma residueranno le tasse regionali per il diritto allo studio, ad eccezione di coloro che sono esonerati ai sensi del bando Ersu).

Di seguito sono elencati i maggiori punti di interesse della nuova normativa in materia di contributo studentesco relativo all’anno accademico 2017/2018 per tutti gli studenti iscritti presso i corsi di studi dell’Università degli studi di Palermo ad eccezione per gli studenti specializzandi che, a causa di un vizio di forma di natura ministeriale, dovranno tenere conto del suddetto regolamento relativo all’anno accademico 2016/2017.

<Clicca sul titolo del paragrafo per far comparire il relativo testo annesso>

[spoiler title=”COMPOSIZIONE DELLA CONTRIBUZIONE”]

a) Imposta di bollo

b) Tassa regionale per il diritto allo studio

c) Contributo onnicomprensivo annuale

Sono esonerati dal pagamento del contributo onnicomprensivo annuale gli studenti che, congiuntamente, possiedono i seguenti requisiti:

a) appartengono ad un nucleo familiare il cui Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE) sia inferiore o uguale a 13.000,00 Euro;

b) sono iscritti all’Università di appartenenza da un numero di anni accademici inferiore o uguale alla durata normale del corso di studio, aumentata di uno (fino al primo anno Fuori Corso);

c)nel caso di iscrizione al secondo anno accademico abbiano conseguito almeno 10 CFU entro il 10 Agosto del primo anno; nel caso di iscrizione ad anni successivi successivi abbiamo conseguito almeno 25 CFU nei dodici mesi antecedenti il 10 agosto dell’anno accademico precedente la relativa iscrizione.

Altro:

 

  • Per gli studenti, iscritti ad un anno successivo al primo, che appartengono ad un nucleo familiare il cui ISEE è compreso tra 13.001,00 e i 30.000,00 euro il contributo onnicomprensivo annuale è pari al 7% della quota di ISEE eccedente 13.000 euro purché posseggano i requisiti di cui sopra (a, b, c)
  • Per gli studenti oltre il secondo anno Fuori Corso appartenenti ad un nucleo familiare con ISEE inferiore a 30.000,00 euro  ma che hanno conseguito il numero di crediti formativi di cui al precedente comma, il contributo onnicomprensivo annuale è pari al 10,50% della quota di ISEE eccedente i 13.000,00 euro con un valore minimo di 200 euro
  • A sensi dell’art. 9 della legge n. 68 del 29.03.2012, sono esonerati dal contributo onnicomprensivo:
    a) gli studenti che presentino i requisiti di eleggibilità per il conseguimento della borsa di studio;
    b) gli studenti con documentata disabilita, con riconoscimento di handicap ai sensi dell’articolo 3, comma 1, e 3 della legge 5 febbraio 1992, n. 104, o di invalidità pari o superiore al sessantasei per cento;
    c) gli studenti stranieri beneficiari di borsa di studio annuale del Governo italiano nell’ambito dei programmi di cooperazione allo sviluppo e degli accordi intergovernativi culturali e scientifici e dei relativi programmi esecutivi. Negli anni accademici successivi al primo, I’esonero è condizionato al rinnovo della borsa di studio dal parte del Ministero degli affari esteri, nonché al rispetto dei requisiti di merito di cui all’articolo 8, comma 2, d.lgs. 68/2012, preventivamente comunicati dall’Università o dall’istituzione di alta formazione artistica, musicale e coreutica al Ministero degli affari esteri;
    d) gli studenti costretti ad interrompere gli studi a causa di infermità gravi e prolungate, debitamente certificate, totalmente o nella misura parziale del 50% , a seconda del periodo di interruzione che non dovrà essere comunque inferiore a sei mesi. L’infermità dovrà essere certificata da un’istituzione pubblica e, poiché la ratio della concessione dell’esonero sta nell’impossibilità da parte dello studente di seguire l’attività didattica, alla quale è correlato il contributo di Ateneo, per il periodo in cui il richiedente versa in stato di infermità, comunque non inferiore ad un semestre, egli non potrà compiere alcun atto relativo alla propria carriera universitaria;

[/spoiler]

[spoiler title=”MODALITà DI PAGAMENTO DEL CONTRIBUTO ONNICOMPRENSIVO”]

1 – Il versamento dei contributi e delle tasse avviene nelle forme previste dalle norme in materia di pagamenti per la pubblica amministrazione e con gli strumenti tecnologici di cui dispone l’Università degli Studi di Palermo. Tali modalità sono indicate nell’allegato “1” che, in caso di variazioni, verrà aggiornato e tempestivamente pubblicato sul sito dell’Università.

2-Le scadenze di pagamento per la preimmatricolazione e l’immatricolazione ai corsi di studio ad accesso a numero programmato sono stabilite dai rispettivi bandi.

3-Per le immatricolazione ai Corsi di Laurea ad accesso libero e per le iscrizioni agli anni successivi al primo le scadenze di pagamento sono indicate nel calendario didattico di Ateneo pubblicato sul sito UNIPA.

4- Per le iscrizioni ai Corsi di Laurea magistrali biennali ad accesso libero la data di verifica della personale preparazione e la data di iscrizione sono indicate nel calendario didattico di Ateneo pubblicato sul sito UNIPA.

5- Gli studenti che intendono laurearsi nella sessione straordinaria dell’anno accademico precedente non sono tenuti a rinnovare l’iscrizione all’anno accademico corrente

6 – Il pagamento delle tasse e del contributo onnicomprensivo è suddiviso in due rate come appresso indicato:
a) Prima rata, da pagare all’atto dell’immatricolazione o iscrizione, composta da: – imposta di bollo assolta in maniera virtuale; – tassa regionale per il diritto allo studio; – acconto contributo onnicomprensivo nella misura del 50% dell’importo dovuto:
La prima rata deve essere pagata:
1) per l’immatricolazione ai corsi di studio a numero programmato, entro i termini previsti da ciascun bando di concorso per l’accesso;
2) per l’immatricolazione ai corsi di laurea ad accesso libero e per le iscrizioni ad anni successivi al primo, entro il 30 settembre.
b) Seconda rata, del contributo onnicomprensivo, nella misura del 50% dell’importo dovuto entro il 31 dicembre.

7-Lo studente che ha pagato la prima rata delle tasse e del contributo onnicomprensivo, entro il 30 settembre o dopo tale data con mora, ma comunque entro il 31 dicembre, può sostenere gli esami relativi agli insegnamenti erogati al primo semestre, negli appelli fissati dal calendario didattico di Ateneo.

8-Lo studente che non ha ottemperato al pagamento della II rata, dopo il 31 dicembre ed entro il 30 aprile con mora, non potrà sostenere esami a partire dalla sessione estiva. In ogni caso il pagamento dovrà avvenire prima della data dell’esame.

9-L’iscrizione oltre il 31 dicembre ed entro il 30 aprile comporta il versamento delle tasse e del contributo onnicomprensivo in soluzione unica oltre le indennità di mora in quota percentuale in funzione dei giorni di ritardo secondo quanto previsto all’art. 9.

10-Dopo il 30 aprile lo studente in corso, che non ha completato gli anni relativi alla durata normale del proprio corso di laurea, potrà iscriversi solo in qualità di fuori corso rispetto all’anno di sua ultima iscrizione. Se tale ultima iscrizione è effettuata in modalità part-time dovrà prima modificare l’iscrizione in modalità full time, pagando le dovute differenze, e quindi iscriversi in qualità di fuori corso per l’anno corrente.

11- Gli studenti che, presentano domanda per l’ottenimento della borsa di studio da parte dell’Ente Regionale per il Diritto allo Studio Universitario (ERSU) devono compilare la specifica sezione presente nella domanda di preimmatricolazione/immatricolazione/iscrizio ne e sono tenuti a pagare, a titolo di prima rata, solo gli importi relativi al bollo e alla tassa regionale ERSU fatti salvi gli esoneri previsti dall’art. 3, comma 22, della legge 549/1995.

ISCRIZIONE A TEMPO PARZIALE

  • lo status di studente part-time può essere acquisito anche al momento dell’immatricolazione
  • è consentito il passaggio dallo status di studente part-time a studente full time non prima che siano trascorsi due anni di carriera come part-time
  • lo studente part-time dovrà pagare al momento dell’iscrizione:
    a) la tassa regionale per il diritto allo studio universitario
    b) l’imposta di bollo
    c) il 50% del contributo onnicomprensivo di Ateneo

[/spoiler]

[spoiler title=”INDENNITà DI MORA PER MANCATO PAGAMENTO”]

  • Il pagamento delle tasse e del contributo onnicomprensivo, se effettuato oltre i previsti termini di scadenza, è gravato, per ogni singola rata, da una indennità di mora, sul dovuto, come indicato ai successivi commi.
    – € 50,00 dal 1° al 15° giorno di ritardo;
    – € 100,00 dal 16° al 30° giorno di ritardo;
    – € 150,00 dal 31° al 60° giorno di ritardo;
    – € 200,00 dal 61° giorno in poi e, di norma, fino al 30 aprile fatte salve diverse determinazioni da parte dell’Ateneo.
  • Gli studenti che hanno presentato domanda di laurea, nella sessione straordinaria, possono iscriversi all’anno corrente pagando le tasse ed il contributo onnicomprensivo dovuti, non gravati da indennità di mora.

[/spoiler]

 

Per conoscere gli importi esatti divisi per area di interesse e per fascia di reddito si rimanda alla seguente TABELLA ILLUSTRATIVA

Per ulteriori informazioni, dubbi o chiarimento non esitare a contattare i nostri referenti.

 

 

Commenta l'articolo: