"Lo facciamo per poter dire: dato che non c'è niente, noi vogliamo rimboccarci le maniche e costruire qualche cosa. E se ognuno fa qualche cosa, allora si può fare molto." Padre Puglisi

Banner_Sconti

Regolarizzazione della domanda di borsa di studio a.a. 2020/21

Del 25 Novembre 2020, ore 5:41 PM - Modifica

Vivere Ateneo informa che nei prossimi giorni l’Ente avvierà le procedure per l’erogazione della prima rata di borsa di studio.
Come previsto dal bando, NON SARANNO ACCREDITATI CONTRIBUTI MONETARI AGLI STUDENTI E ALLE STUDENTESSE CHE RISULTERANNO SOSPES* PER NON AVERE REGOLARIZZATO LA RICHIESTA BENEFICI.

Per regolarizzare la domanda di borsa di studio, è necessario caricare (upload), tramite apposita procedura online disponibile in un’apposita sottosezione denominata “FASCICOLO” creata nella homepage dei servizi “ersuonline” del portale studenti, la copia del documento d’identità e l’eventuale documentazione aggiuntiva (singoli file in formato pdf).

Esempio:

  • copia fronte/retro del documento d’identità (TUTTI i partecipanti al concorso tranne coloro i quali accedono con SPID);
  • copia del permesso di soggiorno o copia ricevuta richiesta di rilascio permesso di soggiorno (per gli studenti stranieri)
  • copia della documentazione attestante l’invalidità o altra condizione particolare (per chi richiede benefici riservati);
  • ISEE parificato e copia documentazione attestante la situazione reddituale/patrimoniale per ISEE parificato (per gli studenti con nucleo familiare all’estero);
  • Altro, se richiesto o necessario (specificare).

Procedura da seguire per regolarizzare la richiesta benefici (consultare eventualmente la guida):

  1. accedere all’applicazione internet predisposta dall’Ente nel sito istituzionale http://ersuonline.ersupalermo.it, con le credenziali rilasciate dall’Università o con SPID;
  2. compilare online il form relativo all’acquisizione dei dati relativi alla singola documentazione aggiuntiva (ad esempio, per il documento d’identità, è necessario indicare data di rilascio, data di scadenza, comune che ha rilasciato il documento, ecc…);
  3. scannerizzare ogni documento in un file pdf della dimensione massima di 2 MB, (es. copia fronte/retro del documento d’identità, certificazione che attesti invalidità, ecc…);
  4. caricare (upload) il suddetto file pdf.

Ripetere la procedura per ogni documento scannerizzato (file pdf).

Commenta l'articolo: