"Lo facciamo per poter dire: dato che non c'è niente, noi vogliamo rimboccarci le maniche e costruire qualche cosa. E se ognuno fa qualche cosa, allora si può fare molto." Padre Puglisi

Banner_Sconti

Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne

Del 25 Novembre 2020, ore 9:44 AM - Modifica

La ricorrenza nasce dall’orribile omicidio delle sorelle Mirabal, attiviste politiche, avvenuto il 25 Novembre del 1960 nella Repubblica Dominicana.
In loro memoria, il 25 Novembre del 1981 avvenne il primo «Incontro Internazionale Femminista delle donne latinoamericane e caraibiche». Nel 1993 viene riconosciuta la violenza sulle donne come fenomeno sociale da combattere, grazie alla Dichiarazione di Vienna

L’Organizzazione Mondiale della Sanità rivela che nel mondo il 35% delle donne ha subito violenza.

In Italia, il 17 luglio 2019, viene finalmente approvato il cosiddetto Codice Rosso, Legge recante “Modifiche al codice penale, al codice di procedura penale e altre disposizioni in materia di tutela delle vittime di violenza domestica e di genere”.

Il testo del CODICE ROSSO si compone di 21 articoli, che individuano un catalogo di reati attraverso i quali si esercita la violenza domestica e di genere, in relazione alle quali emergono modifiche al codice di rito atte a velocizzare l’instaurazione del procedimento penale e all’accelerazione dell’eventuale adozione di provvedimenti di protezione delle vittime.

Il provvedimento, inoltre, incide sul codice per inasprire le pene per alcuni dei citati delitti, per rimodulare alcune aggravanti e per introdurre nuove fattispecie di reato. In particolare la L. 69/2019 introduce i reati di Revenge Porn, il reato di costrizione o induzione al matrimonio, il delitto di violazione dei provvedimenti di allontanamento e il reato di sfregio. Vengono invece inasprite le pene in merito ai maltrattamenti, allo stalking e alla violenza sessuale.

Tra le novità di questa legge troviamo anche una modifica delle procedure da seguire a seguito di una notizia di uno dei reati citati. Il pubblico ministero, entro 3 giorni, dovrà assumere tutte le informazioni dalla persona offesa. Inoltre potrebbe disporre l’allontanamento dell’uomo dalla casa familiare, garantendo il rispetto di detta misura coercitiva con l’ausilio del braccialetto elettronico.

“Se continuiamo ad aspettarci  che le violenze siano quello che raramente sono,  un violentatore che è un depravato di ceto basso  e non un giovane universitario o un uomo d’affari  che escono un venerdì o un sabato e se continuiamo ad aspettarci che le vittime siano donne timide, pudiche, che svengono, e non donne sicure di se stesse, non riusciremo ad ascoltare. Le donne continueranno a non poter parlare.  E continueremo a essere tutti responsabili  di questo silenzio  e della loro solitudine”.

NON UNA DI MENO.

  • 1522 numero anti violenza e stalking;
  • Ted Talk consigliato.

Commenta l'articolo: