"Lo facciamo per poter dire: dato che non c'è niente, noi vogliamo rimboccarci le maniche e costruire qualche cosa. E se ognuno fa qualche cosa, allora si può fare molto." Padre Puglisi

Elezioni 16-17 Maggio 2017: record storico!

Del 19 maggio 2017, ore 11:10 AM - Modifica

Il 16 e 17 Maggio hanno avuto luogo le elezioni per il rinnovo della Rappresentanza Studentesca in seno agli Organi Superiori dell’Università degli Studi di Palermo, ovvero il Senato Accademico, il Consiglio di Amministrazione ed il Comitato per lo Sport Universitario. Il risultato è inequivocabile: la maggioranza di coloro che si sono recati alle urne (più della metà dei quasi 12000 votanti) hanno manifestato il proprio consenso, ancora una volta, alla lista Vivere Ateneo, RUN, UniAttiva, NRG ed Onda Universitaria. Si tratta di un risultato importante ma soprattutto storico.

Non era mai avvenuto, infatti, che una lista ottenesse tre dei quattro seggi disponibili al Senato Accademico, a cui si aggiunge quello conquistato al CdA e quello al CSU.

Risultano eletti (maggiori info qui):

ANTONIO DI NARO, CHIARA PUCCIO E VINCENZO CALARCA al Senato Accademico;
ROSARIO SIGNORINO GELO al Consiglio di Amministrazione;
MARIA SERENA LA RUSSA al Comitato per lo Sport Universitario.

Gli studenti hanno evidentemente apprezzato la presenza costante delle suddette associazioni che hanno sempre affiancano gli studenti nell’importante ma spesso difficile percorso universitario. Di notevole rilievo risultano essere state le battaglie in merito alla questione dell’introduzione del parcheggio a pagamento (attraverso l’esposto alla Corte dei Conti) e quelle contro il mancato esonero della tassa di iscrizione nei confronti dei beneficiari ERSU (con tanto di vittoria legale in CGA e relativo rimborso, agli studenti, di più di 2 milioni di Euro illegittimamente richiesti).

Crediamo che questo modo di rappresentare gli studenti, oltre ad essere vincente, sia soprattutto efficace ed efficiente. Un modello di rappresentanza divenuto la casa di quanti hanno a cuore le difficoltà dei più deboli e di coloro che vogliono migliorare la nostra Università. Un modello di rappresentanza aperto, non adiabatico, progettato ed ideato a misura di studente. Un sistema innovativo con gli studenti, per gli studenti e degli studenti.

A loro dedichiamo questa vittoria. Questa è già storia, sorridiamo al futuro.

Commenta l'articolo: