"Lo facciamo per poter dire: dato che non c'è niente, noi vogliamo rimboccarci le maniche e costruire qualche cosa. E se ognuno fa qualche cosa, allora si può fare molto." Padre Puglisi

Al via il pagamento delle borse ERSU arretrate

Del 3 ottobre 2014, ore 11:05 AM - Modifica

ERSUSi comunica che il Presidente dell’Ersu Palermo, Alberto Firenze, ha deliberato per l’immediato pagamento di borse di studio degli anni accademici scorsi rimaste in sospeso sulla base della fase istruttoria relativa all’accertamento dei requisiti degli aventi diritto e dell’acquisita disponibilità finanziaria.

Gli uffici Ersu stanno provvedendo al pagamento di 1.041 benefici (borse di studio e contributi per integrazione laurea) in favore degli studenti universitari, per un importo totale di 1,18 milioni di euro. Saranno 764 borse le borse in pagamento a studenti di primo anno, mentre 277 sono i benefici destinati a studenti di secondo anno e successivi.

Come primo significativo atto dal mio insediamento, avvenuto l’8 settembre scorso – dichiara Alberto Firenze, presidente Ersu Palermo – ho voluto dare questo chiaro atto di indirizzo per “recuperare” eventuali arretrati e per mantenere uno standard di efficacia e di efficienza dell’azione amministrativa dell’Ersu, finalizzata a garantire pienamente il diritto allo studio agli studenti universitari. Gli studenti universitari e il diritto allo studio sono pienamente al centro dell’azione di governo dell’Ersu che vuole essere, sempre di più, al fianco dei ragazzi e delle ragazze che studiano all’università, a maggior ragione se meritevoli e bisognosi

Nel dettaglio, la manovra varata dal presidente dell’Ersu prevede:

  • per gli studenti degli anni successivi al primo 239 benefici relativi agli anni accademici 2012/2013 e 38 benefici per l’anno accademico 2013/2014;
  • agli universitari di primo anno arriveranno 20 benefici per l’anno accademico 2009/2010, 61 per l’anno accademico 2010/2011, 176 per l’anno 2011/2012, 495 per l’anno accademico 2012/2013, 12 per l’anno accademico 2013/2014.

Commenta l'articolo: